fbpx
Connect with us

Hi, what are you looking for?

Dalvin Weekly Update – Le 10 Notizie dal Web che non ti aspetti – #15
Dalvin Weekly Update – Le 10 Notizie dal Web che non ti aspetti – #15

Redazione

Dalvin Weekly Update – Le 10 Notizie dal Web che non ti aspetti – #15

Puntata numero 15 per Dalvin Weekly Update: oggi scopriremo la chitarra che rivoluziona il modo di fare musica, l’AI che crea immagini a partire dal testo, le specifiche sfuggite ad ASUS per la RTX 3060 Ultra, la nuova flotta aerea di Amazon ed altre imperdibili notizie dal web!

1. C’è più plastica che vita su questo pianeta.

Una ricerca portata avanti dall’istituto scientifico israeliano Weizmann ha evidenziato come la massa prodotta artificialmente dagli umani (plastica, asfalto e metallo) sia complessivamente cambiata dal 1900 ad oggi, indicando come l’impronta umana sul nostro pianeta si sia raddoppiata ogni 20 anni ed abbia portato ad un dato sconcertante: la materia prodotta dall’uomo ha superato quella di ogni altro organismo vivente sulla terra.

Dai risultati dello studio si evince come gli esseri umani abbiano spazzato via circa la metà della massa vegetale in seguito alla “prima rivoluzione agricola” (circa 12.000 anni fa), influenzando il ciclo del carbonio e la salute umana in generale, unita ad altre pratiche come l’allevamento del bestiame, la caccia e la pesca eccessive.

Lo studio inoltre ritiene che siano stati gli esseri umani degli anni 50 ad aver contribuito in maniera massiva allo sfacelo ambientale, tramite la costruzione di edifici in cemento invece che in mattoni ed alla sostituzione della pavimentazione delle strade con l’asfalto.

Tutte le creature terrestri e marine pesano circa 4 miliardi di tonnellate, quando ad esempio la sola plastica ammonta a circa 8 miliardi di tonnellate.

È l’ora di agire.

2. Con Ryzen, AMD batte Intel

Stando agli ultimi dati pubblicati da Passmark, AMD avrebbe superato Intel nel mercato delle CPU desktop.

Complice anche l’ottimo rapporto performance-prezzo di Ryzen che negli ultimi quattro anni le ha permesso per la prima volta di superare Intel.

Nella sfida tutta americana delle cpu era dal 2006 che non si vedeva una inversione dei ruoli tra AMD e Intel.

3. Ho.Mobile conferma il furto dei dati

Dopo diverse indiscrezioni che si sono susseguite nel corso degli scorsi giorni finalmente ho.Mobile è uscita allo scoperto ed ha confermato di aver subito un furto di dati dei suoi clienti.

Fortunatamente il furto riguarda solo una parte dei clienti che utilizzano ho.mobile ed i dati rubati riguardano le informazioni anagrafiche ed i dati tecnici della SIM.

Tutto ciò è molto grave ma poteva anche andare peggio infatti i dati relativi a coordinate bancarie, sms e telefonate sono al sicuro.

Ho.Mobile per scusarsi sta offrendo una nuova sim gratuita a tutti i propri clienti e sottolinea il fatto che coloro che hanno subito questo furto di dati sono stati contattati privatamente tramite SMS.

4. La chitarra che rivoluziona il modo di fare musica

Suoni e ritmiche inedite grazie al sequencer integrato che supera i 250bpm.

I chitarristi che hanno passato ore, giorni, anni ad esercitarsi per creare suoni sempre nuovi non prenderanno bene l’arrivo della “Circle Guitar”, che stravolge completamente il rapporto tra le mani e lo strumento. Eppure chi da sempre è alla ricerca di modi nuovi di comporre, come Ed O’Brien dei Radiohead, sarà colpito da questo innovativo modo di creare suoni, proprio Ed ha detto che per lui è come imparare una nuova lingua. Una ventata di freschezza che molti apprezzeranno, specialmente i più inclini alla sperimentazione sonora.

L’obiettivo di Anthony Dickens, il padre della speciale chitarra, era del resto spingere verso esplorazioni sonore nuove, così grazie ad un sequencer motorizzato, che permette di toccare i 250 battiti per minuto, ha reso possibile generare suoni e ritmiche impensabili prima per una semplice chitarra, creando un nuovo modo di esprimersi che farà la felicità dei più smanettoni.

Realizzata unendo il corpo in frassino, classico legno usato nella fabbricazione delle chitarre, e meccaniche stampate in 3D che presentano oltre 120 fori dove è possibile inserire i “plettri” che sono di 5 tipi diversi e completamente programmabili scegliendo quale colpirà le corde in modo da ottenere suoni con differente intensità. Si avvale anche di un altro elemento molto interessante, il pick-up esafonico che permette di gestire ogni corda in modo indipendente così da poterla amplificare ed elaborare separatamente.

Attualmente la Circle Guitar, primo prodotto della Circle Instruments, è in fase sperimentale di cui è già disponibile un lotto, sarà in futuro realizzata in copie limitate e numerate secondo le richieste degli artisti, realizzate intermente a mano e firmate, solo per il Regno Unito al momento.

Insomma una ventata di freschezza e nuove infinite possibilità si aprono per i chitarristi più esigenti e avvezzi alla sperimentazione, voi cosa ne pensate sarà un grande flop o un’innovazione che sempre più prenderà piede?

5. L’AI che crea immagini dal testo

DALL-E, ultima creazione di OpenAI, strana ma affascinante, è una AI in grado di creare illustrazioni, rendering o fotografie a partire da un testo descritto in modo “intelligibile”, generando una versione plausibile di ciò che si descrive.

Ad esempio potremo scrivere “un gatto che indossa gli occhiali” o “un ravanello in tutù che porta a spasso un cane” e l’AI provvederà a creare un immagine che rappresenti ciò che gli chiediamo.

Crediti immagine: OpenAI

Per trasformare il testo in immagini DALL-E utilizza la comprensione del linguaggio e il contesto forniti da GPT-3 e la sua struttura sottostante per creare un’immagine plausibile che corrisponda ad un prompt.

“GPT-3 ha dimostrato che il linguaggio può essere utilizzato per istruire una grande rete neurale a eseguire una varietà di attività di generazione di testo. Image GPT ha mostrato che lo stesso tipo di rete neurale può essere utilizzato anche per generare immagini ad alta fedeltà.

Estendiamo questi risultati per mostrare che la manipolazione dei concetti visivi attraverso il linguaggio è ora a portata di mano.

In futuro, abbiamo in programma di analizzare in che modo modelli come DALL·E si relazionano a questioni sociali, come l’impatto economico su determinati processi di lavoro e professioni, il potenziale di bias nei risultati del modello e le sfide etiche a lungo termine implicate da questa tecnologia.”

OpenAI
Crediti immagine: OpenAI

Il lavoro di OpenAI è straordinariamente interessante e potente e, come gli altri progetti dell’azienda, si svilupperà senza dubbio in qualcosa di ancora più favoloso in breve tempo.

6. ASUS svela per errore le GeForce RTX 3060 ULTRA e la RTX 3080 Ti

Asus ci “annuncia” la nuova GeForce RTX 3060 12GB, una conferma che arriva da uno dei principali Partner ASUS che aveva aggiunto e poi rimosso due nuovi modelli nominati rispettivamente GeForce RTX 3080 Ti 20GB e GeForce RTX 3060 ULTRA 12GB.

Le prime immagini disponibili ci mostrano ASUS GeForce RTX 3060 ULTRA TUF Gaming da ben 12GB. La versione custom di casa Asus sarà dotata di tripla ventola e un dissipatore di alto profilo ma sopratutto offre la possibilità di overclock. Basata su architettura NVIDIA Ampere GA106-400, dovrebbe avere a bordo 3840 CUDA Core, 30 RT Core e 120 Tensor Core, accompagnati da ben 12GB di memoria GDDR6.

La RTX 3080 Ti sembra invece essere basata su un’architettura NVIDIA Ampere GA102-250 ed equipaggiata da ben 10496 CUDA Core, 82 RT Core e ben 20GB di memoria GDDR6.

Tra i rumors sembra inoltre che GeForce RTX 3060 ULTRA possa avere un costo di circa 449 dollari, prezzo che sembra elevato nonostante i 12GB di memoria viste le prestazioni che dovrebbe fornire. Speriamo solo che almeno stavolta ci sia una disponibilità maggiore.

7. Quale mobile IKEA sarà in grado di ospitare la mia nuova console?

IKEA si approcia alla console war in modo pratico, aiutanto gli avventori del reparto mobilia a scegliere la nuova parete attrezzata in base alle dimensioni delle nuove console di casa SONY e Microsoft, grazie ad un simpatico scatolato che imita la forma le dimensioni dei nuovi device entrati in commercio alla fine del 2020. Il meme è assicurato.

8. Amazon prepara la sua nuova flotta aerea

Amazon colpisce ancora e ci stupisce con l’acquisto di 11 jet Boeing 767-300 .
Per chi non lo sapesse Amazon aveva già noleggiato degli aerei per spedire più in fretta ma questa è la prima volta che ha effettuato l’acquisto di una flotta aerea.


Di questi 11 aerei 4 sono della WestJet Airlines e verranno convertiti da passeggeri a cargo così che entro il 2021 diventino operativi. I rimanenti 7 aerei li ha acquistati dalla Delta Air Lines e si integreranno nella flotta di Amazon nel 2022.
Secondo Bloomberg Amazon afferma che entro il 2022 avrà una flotta di ben 85 aeromobili.

Che Amazon sia pronta a conquistare il mondo? Staremo a vedere.

9. Un futuro pieghevole per gli smartphone della mela

Abbiamo già visto qui come Apple abbia inviato i primi campioni di iPhone pieghevoli alle fabbriche Foxconn per la fase di test, dove sono stati sottoposti a prove di apertura e chiusura del dispositivo fino a 100.000 volte (per fare un esempio i notebook vengono generalmente sottoposti a torture simili durante le fasi di test, ma con cicli che vanno dalle 20.000 alle 30.000 volte).

Economic Daily News riporta come due prototipi di tali iPhone pieghevoli abbiano finalmente superato i test interni di resistenza, aggiungendo come tali dispositivi di test utilizzino un sistema di cerniere pieghevoli progettato in-house da Apple e siano recentemente usciti dalla fase di test presso le fabbriche di Foxconn in Cina.

Crediti Immagine: #iOS beta news

I due prototipi sembrano essere diversi, il primo ha un doppio schermo (due display separati collegati da una cerniera, che però sembrano uniti senza soluzione di continuità), mentre il secondo prototipo sembra essere un pieghevole a conchiglia, sulla falsa riga del Samsung Galaxy Z Flip o del Moto Razr.

10. Ciao 2020, l’omaggio all’Italia che ha fatto ridere il mondo

Grande trovata del presentatore Ivan Urgant che ha messo in scena un tributo all’Italia degli anni ’80 per salutare il 2020 con un sorriso. Molti hanno storto il naso difronte a questa trovata, un programma andato in onda interamente in italiano, maccheronico, e sottotitolato in Russo che ha da prima sconvolto e poi fatto ridere un popolo intero e ha valicato, come era prevedibile, gli Urali per arrivare fino a noi.

Ecco le parole del famoso conduttore russo che ha portato sul Primo Canale questo tripudio di paillettes e drum machine, corredato da subrette un pò scollacciate e perfino pubblicità fake che hanno portato il video integrale caricato su youtube ad entrare nei trend dei video più visti:

“Lo spettacolo è un puro omaggio all’Italia di quegli anni, l’idea è semplice: a causa della pandemia è stato un anno duro per tutto il pianeta e ci siamo chiesti come potevamo suscitare emozioni positive nel pubblico. E cosa c’è di più positivo della tv italiana degli anni Settanta e Ottanta, del varietà, del Festival Sanremo che tutta l’Urss amava profondamente? Lo stesso suono della vostra lingua risulta gioioso. Era un’idea folle, ma che ci divertiva molto. Mi sono detto: ‘Se per 50 minuti sul primo canale del nostro Paese parlerò solo in italiano, senza neppure una parola di russo, avrò qualcosa da raccontare ai miei nipoti‘”.

Ivan Urgant – Ciao 2020

Ivan è riuscito nella sua folle idea e potrà raccontare ai suoi nipoti di come ha stravolto completamente l’ideale di concerto di fine anno, e dunque non importa se quel parlato italiano è un pò maccheronico, sembra surreale a tratti o se i nomi sono totalmente inventati, ancor meno bisogna curarsi delle similitudini a “Sanremo” o a “Drive-In” è tutto calcolato e volutamente eccessivo con il solo intento di far dimenticare anche solo per 50 minuti la situazione attuale in cui il mondo versa.

C’è chi ora lo vuole alla conduzione di talento come X-Factor e lui ha risposto:

“Condurrei con piacere qualsiasi trasmissione sulla tv italiana, dove serva pronunciare spesso le parole ‘bravo, tutti e canzone'”.

Ivan Urgant – Ciao 2020

Se non l’avete visto correte a vederlo, ciao ciao 2020, benvenuto 2021.

Alla prossima settimana!

Scopri Dalvin Market

Il nostro team è sempre al lavoro per scovare i migliori prodotti (marche e prezzo), filtrare le vere opportunità di mercato, consigliarti i prodotti dei migliori brand e gli articoli del momento, ogni giorno.

Iscriviti subito al canale Telegram Dalvin Market e non perdere il prossimo affare!

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe Interessarti anche:

Sticky Post

Cos’è Amazon Warehouse? Ti stai chiedendo come sia possibile che nella playlist quotidiana di Dalvin Market si trovino articoli con sconti fino al 90%?...

Tech Life

In questo approfondimento parleremo di Telegram: Servizio di messaggistica istantanea con oltre 400 milioni di iscritti (ad oggi) e che registra un incremento di...

Deals

Amazon si sta impegnando sempre di più per rendere gli acquisti nel proprio marketplace più semplici e comodi per gli acquirenti, introducendo finalmente la...

Deals

Immagina: un’auto a noleggio con la semplicità di un acquisto su Amazon! Vorresti un auto a noleggio che ti garantisca: Burocrazia quasi nulla Costi...

Copyright © 2020 powered by Dalvin. Dalvin.it: approfondimenti, guide e consigli su come risparmiare sul web. Ottimizza le tue spese, risparmia con noi! In qualità di Affiliato Amazon, ricevo un guadagno per ciascun acquisto idoneo. Tutti i marchi, registrati e non, e altri segni distintivi presenti nel sito appartengono ai legittimi proprietari e non sono concessi in licenza né in alcun modo fatti oggetto di disposizione, salvo espressamente indicato.

Scroll Up